:::::::: REGOLE DI CORRETTEZZA::::::::

Vi prego di evitare di parlare in modo offensivo, blasfemo, accanito o pesante contro persone riconoscibili.
In questo blog sono tutti benvenuti, e tutti possono intervenire in anonimato (ma ricorda che il tuo pc viene identificato), con un nome di fantasia o utilizzando il proprio nome vero. evitate di firmarvi con nomi di altre persone, cosa sleale e di cattivo gusto. buona discussione

ARE YOU NOT ITALIAN? PLEASE CLICK HERE AND LEAVE A MESSAGE -

mercoledì 12 maggio 2010

227) FEDERALISMO FISCALE: AVANTI TUTTA!

Bossi 1

Salvo colpi di scena, entro la fine di questa settimana ci sarà il via libera da parte della Commissione Bicamerale presieduta da Enrico La Loggia al federalismo demaniale, il primo passo per l'attuazione concreta della riforma federale del fisco.

"Molto soddisfacente il lavoro svoltosi in Commissione, durante il quale si è proceduto con la conclusione dell'audizione del ministro Calderoli". Così Enrico La Loggia, presidente della Commissione Parlamentare per l'attuazione del federalismo fiscale. "Particolarmente significativa l'intenzione manifestata dal ministro in ordine alla nostra proposta, condivisa dall'intera Commissione, di destinare all'abbattimento del debito pubblico i proventi derivanti dalla valorizzazione dei beni trasferiti dal patrimonio dello Stato agli enti territoriali", aggiunge La Loggia.

L'INCHIESTA - Diecimila terreni, 9 mila fabbricati, 5 mila chilometri di spiagge, 234 corsi idrici, 69 laghi per un’estensione di 550 chilometri quadrati: diventeranno “federali”. Sono i 17.400 beni che ora appartengono allo Stato, è la prima spartizione: entro il 21 maggio passeranno alla gestione di Regioni, Province, Comuni e alle future città metropolitane.

Il federalismo demaniale. Si chiama federalismo demaniale, ed è il primo passo reale della vecchia “devolution” avviata in Parlamento. Alla fine dello scorso anno, infatti, il Consiglio dei Ministri ha varato uno schema di decreto legislativo che si intitola appunto federalismo demaniale e che fissa i principi generali e le procedure per regolare il trasferimento di parti del patrimonio immobiliare dello Stato a favore degli enti territoriali. Il decreto legislativo del governo, ora all’esame del Parlamento, da approvare e trasformare in legge entro il 21 maggio, pur non contemplando la cessione dei beni storici e culturali del nostro Paese lascia aperta più di una questione.

Le origini del Demanio. Partiamo dal principio. La materia oggetto del decreto del governo ha origini lontane. Il Codice civile del 1942, infatti, stabilisce che lidi, spiagge, porti, fiumi, laghi, acque pubbliche, miniere, aeroporti, beni storici, archeologici e artistici, ferrovie, grandi strade, acquedotti, caserme, foreste appartengano allo Stato e siano gestiti dal Demanio. Nel tempo però sono entrati in scena nella nuova Costituzione anche gli enti territoriali: Regioni, Province, Comuni e Città metropolitane, parte integrante dello Stato, con il loro diritto a gestire una parte del patrimonio pubblico.

Idea di base: la “valorizzazione” dei beni. Il passaggio dei beni a questi enti territoriali avverrà gratuitamente e l’idea cardine alla base del decreto è quella di “valorizzare” tali beni, sui quali ora lo Stato guadagnerebbe davvero poco. La ragioneria dello Stato, infatti, ha spiegato che il patrimonio statale vale 46,823 miliardi di euro ma ne frutta appena 189 milioni l’anno: il demanio marittimo rende allo Stato 97 milioni di euro l’anno, cioè 190 euro per ogni 100 metri di spiaggia, le miniere fruttano 347 mila euro, mentre dai canoni di concessione per l’uso delle acque pubbliche si ricavano appena 2,7 milioni.

Per quanto riguarda le spiagge, ad esempio, le Regioni hanno la competenza legislativa sul turismo, ma i canoni demaniali li riscuote lo Stato, così oggi i Governatori non sono spinti in alcun modo a legiferare sulla materia.

Nell’ambito del federalismo demaniale – rende noto inoltre la Ragioneria – il patrimonio trasferibile e’ pari a 2,975 miliardi, in quanto il resto e’ indisponibile o demanio storico-artistico che e’ trasferibile solo a determinate condizioni.

Una quota “irrisoria” del patrimonio pubblico. L’operazione riguarderà dunque una «quota irrisoria» del patrimonio pubblico, fa sapere il direttore dell’Agenzia del Demanio, Maurizio Prato. Un patrimonio pubblico per lo più sconosciuto, se si pensa che il termine concesso a tutte le amministrazioni per comunicare i beni posseduti scadeva il 31 marzo scorso, ma la conclusione di queste comunicazioni è ancora molto lontana.

Il primo decreto attuativo del federalismo fiscale potrebbe valere solo 5,5 miliardi di euro secondo il Demanio. Prato, infatti, ha dichiarato nei giorni scorsi che, sebbene «non è dato conoscere preventivamente l’entità quantitativa dei beni di proprietà dello Stato che saranno concretamente incisi dall’operazione», difficilmente la somma potrà superare i 5 miliardi.

Per Calderoli: “Tanti i beni da riutilizzare”. In disaccordo sulle cifre fornite da Prato il ministro per la semplificazione normativa, Roberto Calderoli. «Il patrimonio demaniale – ha dichiarato il politico leghista – è una cosa, ma ci sono tanti altri beni che non fanno parte di questo patrimonio». Tra questi i fiumi, che solo teoricamente non valgono nulla ma che potrebbero essere dati agli enti locali e da questi girati in concessione ai produttori di energia elettrica. Oppure gli edifici che le amministrazioni statali hanno in uso ma non utilizzano e che verrebbero riconvertiti e utilizzati.

A chi andranno i beni demaniali. Ma al di là dei numeri, i dubbi e le questioni aperte dal federalismo demaniale restano tante: prima fra tutte il criterio con il quale i beni dello Stato dovranno essere trasferiti: non è chiaro se questi verranno ceduti alle Regioni e da queste alle loro province e comuni, come chiedono i governatori “pro regionalismo”, oppure dai comuni, come vorrebbero i sindaci fautori del “municipalismo”. Il testo portato in Parlamento prevede che lo Stato compili un elenco dei beni cedibili, che Regioni ed enti locali scelgano cosa prendersi e che l’attribuzione si faccia considerando le dimensioni territoriali, le funzioni esercitate e la capacità finanziaria degli enti che li domandano.

La mappa dei beni tra Nord e Sud. Aperto anche il problema dell’equilibrio – o meglio disequilibrio – tra le diverse Regioni ed enti locali, da cui diventa sempre più chiaro il “peso” che il provvedimento potrà avere sulle finanze delle autonomie locali. La Corte dei Conti, in audizione alla Commissione bicamerale per l’attuazione del federalismo fiscale conferma che il valore dei beni che potrebbero essere trasferiti si aggira intorno ai 3 miliardi. Una cifra che il presidente della Corte, Tullio Lazzaro, definisce “relativamente limitato”. Si tratta, tra l’altro, spiega sempre Lazzaro, di un patrimonio “fortemente sperequato”, per quanto riguarda la distribuzione e il valore.

I beni del nord valgono il doppio di quelli del sud. Dati alla mano, in effetti, se i circa 17.400 beni a disposizione sono distribuiti più o meno uniformemente sul nostro territorio, il loro valore indica un notevole gap tra settentrione e mezzogiorno. Si parla, infatti, di 1,3 miliardi al nord contro 756 milioni al sud.

Il Lazio la fa da padrone, seguito dal Veneto. La prima regione del sud a comparire è la Campania al quarto posto, una delle 3 regioni del sud nelle prime 10. Di quei 3,2 miliardi di beni disponibili, infatti, un quarto sta in un’unica regione, il Lazio che, in base al trasferimento dei beni, potrebbe contare su 859.751 milioni. Si tratta del 27% del totale del valore trasferibile contro un peso in termini di popolazione residente del 9,4%. Un dato che salta agli occhi se paragonato, ad esempio, a quello della Lombardia dove è localizzato il 9,8% del valore dei beni trasferibili a fronte di un peso del 16% in termini di cittadinanza. Il Veneto (364 milioni) ne ha più della Lombardia (315) che però ha il doppio degli abitanti. Liguria e Marche hanno la stessa popolazione, ma la prima ha beni demaniali cinque volte superiori alla seconda (184 milioni contro 38).

Una guerra tra poveri? Insomma, secondo la Corte dei Conti, nonostante il federalismo demaniale possa rappresentare un “volano” per la riqualificazione dei territori, la “dimensione ridotta dei ‘valori finanziari’ e la forte disomogeneità della distribuzione territoriale rischiano di rendere una distribuzione molto frazionata dei beni, in cui prevalga il solo criterio territoriale, poco produttiva”. Il federalismo demaniale, insomma, rischia di trasformarsi in una guerra tra poveri visto che, come abbiamo visto, dei 46,8 miliardi di patrimonio a disposizione il rendimento è appena di 189 milioni l’anno.

L’opposizione. Le opposizioni, Pd in testa chiedono più chiarezza su costi e garanzie della coesione nazionale. “Nessuna tabella – attacca la segretaria del partito di Bersani – è finora arrivata nelle commissioni parlamentari competenti. In questo quadro è sconcertante che il ministro degli Interni Maroni minacci l’interruzione della legislatura se non verrà completato il federalismo fiscale”.

Il debito pubblico. I nodi non mancano: altra questione spinosa è quella legata al debito pubblico italiano, in parte garantito da questi beni di cui ora lo Stato si priva. Lo Stato, infatti, è obbligato a usare i proventi delle sue dismissioni per la riduzione del debito pubblico, ma Regioni, Comuni e Province non hanno questo obbligo. C’è poi un ulteriore rischio: il decreto prevede la possibilità di attribuire i beni immobili direttamente a fondi immobiliari costituiti da enti territoriali a cui possono partecipare anche soggetti privati, con il pericolo di svendere il patrimonio immobiliare pubblico. Sarebbe dunque necessario da parte degli enti locali l’mposizione di vincoli alla destinazione d’uso di questi immobili.

Il percorso della legge. Anche le scadenze relative al provvedimento sembrano essere troppo ravvicinate: la legge si deve fare entro il 21 maggio, data entro la quale ci sarà il secondo e definitivo passaggio a Palazzo Chigi. Quindi, entro 21 agosto tutte le amministrazioni pubbliche centrali dovranno dire quali immobili e terreni vogliono tenere per sè e motivare la loro decisione, a settembre l’Agenzia del demanio pubblicherà l’elenco dei beni disponibili.

Una lista di massima il ministero dell’Economia già ce l’ha, su quella ha stimato i 3,2 miliardi di beni trasferibili. Quindi sarà il turno di regioni ed enti locali, che entro il 21 dicembre dovranno dire quali di quei beni vogliono prendere. Potrebbe quindi accadere che vi siano due diverse amministrazioni che richiedono il trasferimento dello stesso bene, ma in questo caso non è stabilito chi sarà l’effettivo beneficiario o se tra i due contendenti il bene rimarrà allo Stato.

Dal 2011 entrano in scena i nuovi proprietari. A partire dal 21 gennaio 2o11 potranno essere varati i decreti per l’attribuzione ai nuovi proprietari. Nel caso tutto dovesse stare nei tempi, considerati “strettissimi” dalla stessa Agenzia del demanio che ha consigliato al governo di prevedere tempi più lunghi, il compito di fare in modo che tutto fili per il meglio sarà degli amministratori locali e le decisioni anche dei cittadini. Sindaci, governatori, presidenti di provincia dovranno indicare sui siti Internet dell’amministrazione cosa intendono fare con i beni ricevuti e la legge prevede che su questi progetti si possano indire delle consultazioni pubbliche, anche telematiche, tra i contribuenti.

Il parere dei cittadini. I beni demaniali di proprietà degli enti territoriali “riconvertiti” ad esempio in alberghi o supermercati dovranno dunque passare al vaglio dei cittadini, che decideranno se approvare o meno l’idea e la “valorizzazione” di quei beni. Attenzione, però: le amministrazioni locali non sono obbligate a consultare i cittadini. Se lo faranno, quei beni non più statali saranno paradossalmente, per la prima volta, veramente dello Stato. (da affariitaliani.it)

13 commenti:

Anonimo ha detto...

Questa volta il nano deve stare buono e finalmente la lega porterà a casa il risultato alla faccia di fini che è una delusione continua.

Anonimo ha detto...

la passione del copia incolla gioca brutti scherzi... qs è un articolo di affari italiani.it di mercoledi 12/5, bisognerebbe scriverlo per correttezza... aldila' del titolo trionfale, leggendo dice chiaramente che tante cose sono ancora confuse...
e poi non dice 2 cose: qs beni vengono trasferiti per essere venduti? oppure per essere gestiti? non è che la gestione chieda valorizzazione, investimenti, risorse assenti nei bilanci dei comuni per effetto del sempre più stringente patto di stabilità? il 2011 è sempre più vicino, le bugie hanno le gambe corte...

Arachesostufo ha detto...

Giusta l'osservazione, ho aggiunto la fonte, comunque bastava cliccare l'immagine per andare direttamente al sito di Affari Italiani.

Anonimo ha detto...

solo grazie al contributo di una parte dell'opposizione, finalmente non avete fatto cazzate, ma qualche cosa di veramente utile. Forse avete sbagliato alleato???

Anonimos ha detto...

tagliati 13 miliardi agli enti locali, se questo è federalismo....

Igino ha detto...

Il Federalismo è l'unica cosa buona che sta facendo e speriamo finirà la Lega. Il resto sono, come dice Calderoli, "Porcate". A proposito ma Bossi non voleva eliminare le province??!!

Anonimo ha detto...

qualcuno mi spiega cos'è questo federalismo fiscale? Non è che vuole dire : chi ha i soldi se li tiene?

nicol ha detto...

"Hola.
"
"Antes de nada, perdona que te escriba esto como un comentario, pero es que no vi tu email en el tu blog
"
"Soy el webmaster de publizida.es
"
"
"
"Publizida BLOG'S es un ranking / directorio de clasificación de blogs en español, creado con el único propósito de dar a conocer los mejores blog's
"
"
"
"Registrando su blog en Publizida BLOG'S accederás al servicio de estadísticas gratuitas y podrás participar en el TOP.RANKING
"
"También puedes acceder a la valoración que los usuarios hacen de su página.
"
"
"
"Y lo mas importante...
"
"darte a conocer y aumentar el numero de visitantes a tu BLOG de manera totalmente gratuita.
"
"
"
"Si te interesa puedes darte de alta
"
"ALTA DIRECTORIO DE BLOGS
"
"
"
"o visitanos en ......
"
"
"
"DIRECTORIO DE BLOGS
"
"
"
"HTTP://PUBLIZIDA.ES
"
"
"
"Muchas Gracias por tu tiempo... y disculpa si no fue la mejor manera de darme a conocer.
"
"
"
"Un saludo.
"
"
"
"DAVID T.
"
"Webmaster de Publizida.es
"

Anonimo ha detto...

Jewelry sequence by [B][URL=http://www.salethomassabo.com/thomas-sabo-charms.html]Thomas Sabo Charms[/URL][/B] arrive from Germany, sticking towards the fantastic concepts of pattern to create small, fashionable silver items for anyone. Silver offered by [B]Thomas Sabo charms[/B] him involves bracelet which are colorful, exquisite design rings, bold and fashionable pendants, and several other variety of silver. Not only this, [B][URL=http://www.salethomassabo.com/thomas-sabo-halsschmuck.html]Thomas Sabo Schmuck[/URL][/B] yet another series with classic layout is full of design which can suit any occasion. It tends to make use of attractive way inside create up lines to interpret lovely model to [B]Thomas Sabo onlineshop[/B] produce a mark for the hearts of numerous young girls.

Within the [B][URL=http://www.salethomassabo.com]Thomas Sabo[/URL][/B] collection there are charms representing the birthstone for every single month. [B]Thomas Sabo charms[/B] are and will surely sparkle everywhere you go. [B][URL=http://www.salethomassabo.com/thomas-sabo-charms.html]Thomas Sabo Charms[/URL][/B] indicators also can be added to this. Their charms are produced in a [B]Thomas Sabo schmuck[/B] style and each a person is made to present the distinct identity of every single sign.

You will be amazed to know that [B][URL=http://www.salethomassabo.com]Thomas Sabo[/URL][/B] has presented even some thing for sporting activities lovers. Selection of Sports activities [B]Thomas Sabo charms[/B] is massive and can certainly tickle sporting activities fans. The sporting activities charms are also [B]Thomas Sabo charms[/B] out of sterling silver that is bound to keep any sports activities athlete shining with confidence.

Anonimo ha detto...

leggere l'intero blog, pretty good

ninest123 ha detto...

beats by dre, converse outlet, ghd, mac cosmetics, insanity workout, hollister, nike roshe, north face outlet, babyliss, lancel, hollister, asics running shoes, nike air max, birkin bag, nike air max, oakley, wedding dresses, soccer jerseys, valentino shoes, louboutin, herve leger, mcm handbags, ferragamo shoes, converse, celine handbags, abercrombie and fitch, timberland boots, p90x workout, hollister, new balance, nfl jerseys, ralph lauren, longchamp, chi flat iron, mont blanc, nike huarache, north face outlet, iphone cases, gucci, instyler, vans, jimmy choo shoes, vans shoes, soccer shoes, baseball bats, reebok shoes, bottega veneta, lululemon, ray ban, nike trainers

ninest123 ha detto...

thomas sabo, canada goose, coach outlet, canada goose, bottes ugg, moncler, marc jacobs, montre pas cher, ugg,uggs,uggs canada, juicy couture outlet, swarovski, ugg,ugg australia,ugg italia, sac louis vuitton pas cher, canada goose outlet, toms shoes, pandora jewelry, moncler, links of london, moncler, hollister, moncler outlet, juicy couture outlet, canada goose uk, ugg boots uk, swarovski crystal, supra shoes, louis vuitton, ugg pas cher, replica watches, moncler, moncler, louis vuitton, pandora charms, canada goose outlet, pandora jewelry, karen millen, doudoune canada goose, moncler, canada goose, louis vuitton, canada goose, moncler, wedding dresses, louis vuitton, pandora charms

ninest123 ha detto...

north face, tn pas cher, vanessa bruno, mulberry, michael kors, true religion outlet, air force, ray ban uk, timberland, new balance pas cher, burberry outlet online, hollister, michael kors outlet, ray ban pas cher, true religion jeans, nike roshe, lululemon, nike free run uk, hermes, oakley pas cher, nike air max, michael kors outlet, kate spade handbags, michael kors, michael kors outlet, north face, true religion jeans, nike air max, nike air max, michael kors outlet, ugg boots, michael kors, michael kors, abercrombie and fitch, michael kors outlet, hollister pas cher, burberry, nike blazer, lacoste pas cher, converse pas cher, coach outlet, vans pas cher, true religion jeans, coach purses, ugg boots, coach outlet, sac guess, ralph lauren uk, hogan, replica handbags