:::::::: REGOLE DI CORRETTEZZA::::::::

Vi prego di evitare di parlare in modo offensivo, blasfemo, accanito o pesante contro persone riconoscibili.
In questo blog sono tutti benvenuti, e tutti possono intervenire in anonimato (ma ricorda che il tuo pc viene identificato), con un nome di fantasia o utilizzando il proprio nome vero. evitate di firmarvi con nomi di altre persone, cosa sleale e di cattivo gusto. buona discussione

ARE YOU NOT ITALIAN? PLEASE CLICK HERE AND LEAVE A MESSAGE -

mercoledì 5 dicembre 2007

31) ZAIA: DRIZZAGNO STRADA PERICOLOSA, VA SISTEMATA.

NUOVA VENEZIA:
MERCOLEDÌ, 05 DICEMBRE 2007

Scorzè. Papà Renzo: «Speriamo che la fiaccolata sia servita»
«Strada pericolosa, la sistemeremo»
Il vice governatore Zaia visita il luogo dove Marco è morto a 15 anni

SCORZÈ. «Il tratto della Noalese in località Drizzagno è pericoloso. Porterò il problema all’attenzione della
Regione». E’ la promessa fatta dal vice governatore veneto Luca Zaia che sabato scorso ha fatto visita alla famiglia
di Marco Pesce, il 15enne morto in un incedente stradale a pochi metri dalla sua casa la sera del 25 agosto scorso.
Dunque la fiaccolata organizzata dal consigliere comunale di Scorzè Stefano Tosatto il 25 novembre, a cui hanno partecipato i genitori e il fratello di Marco oltre a un altro centinaio di persone che hanno sfidato la pioggia, comincia a dare i suoi frutti.
L’iniziativa di undici giorni fa, infatti, oltre a essere un momento di ricordo per Marco voleva essere soprattutto un modo per sensibilizzare i politici sul problema della sicurezza della regionale 515 percorsa ogni giorno da migliaia di veicoli. Così il vice presidente Zaia lo scorso fine settimana ha deciso di far visita ai Pesce per rendersi conto di persona delle condizioni
in cui versa la strada. Ad accompagnarlo c’era il presidente del consiglio provinciale di Treviso, Fulvio Pettenà. I due sono stati accolti da Renzo Pesce, papà di Marco, che ha indicato loro il luogo dove il figlio ha perso la vita investito da un furgone. Una visita aspettata anche se il signor Pesce non pensava che arrivassero proprio sabato scorso. «Si sono fermati a casa mia circa un quarto d’ora - spiega Pesce - e hanno fatto un sopralluogo nella zona del Drizzagno. Hanno osservato con attenzione il flusso di traffico e Zaia ha sottolineato come sia molto intenso e pericoloso. A questo punto si è impegnato a portare la questione in Regione per vedere di trovare una soluzione in tempi rapidi. E di questo non posso che ringraziarlo. Ora sono convinto che la fiaccolata di qualche giorno fa abbia avuto il suo peso e presto i risultati si vedranno».
Dal momento in cui Marco ha perso la vita, la sua famiglia si è data da fare affinché quel tratto di Noalese sia messo in sicurezza riducendo la velocità di auto, camion e moto. «Servono interventi urgenti - commenta Renzo Pesce - a partire dagli autovelox che sono un buon deterrente per far alzare il piede dall’acceleratore. Anche la costruzione di una rotatoria non sarebbe male ma l’importante è trovare in fretta una soluzione. Adesso confidiamo nell’impegno preso da Zaia».

quindi la fiaccolata di Lista Intesa ha dato un primo risultato. In regione qualcuno parlerà di scorzè e della sua precaria e pericolosa viabilità...e non sarà uno scorzetano a farlo, ma un trevigiano, perchè in regione i trevigiani chiedono e ottengono strade e opere pubbliche, invece i consiglieri scorzetani chiedono finanziamenti per gli zingari.

Ognuno ha i propri valori e le proprie idee.

3 commenti:

fronteveneto! ha detto...

Finalmente uno de a Rejon che se interessa! Altro che chissi o 'gini del casso!
Paroni casa nostra! Fora i PD O PDL dal Veneto!
Veneto libero!

f. ha detto...

la provincia di treviso ha sistemato tutti i loro problemi di viabilità. Il maggior numero di rotonde, sottopassi e chilometri di varianti a vecchie strade intasate sono stati realizzati proprio in provincia di treviso. E guarda caso al governo c'è la lega nord.

dani ha detto...

se no se move a lega no va vanti gnente.