:::::::: REGOLE DI CORRETTEZZA::::::::

Vi prego di evitare di parlare in modo offensivo, blasfemo, accanito o pesante contro persone riconoscibili.
In questo blog sono tutti benvenuti, e tutti possono intervenire in anonimato (ma ricorda che il tuo pc viene identificato), con un nome di fantasia o utilizzando il proprio nome vero. evitate di firmarvi con nomi di altre persone, cosa sleale e di cattivo gusto. buona discussione

ARE YOU NOT ITALIAN? PLEASE CLICK HERE AND LEAVE A MESSAGE -

martedì 11 marzo 2008

74) PARTITO DEMOCRATICO = PRODI DUE SCOPIAZZIAMO? ............YES, WE CAN


Il Partito democratico si dimostra un accozzaglia di cose rubacchiate qua e là, TUTTO rigorosamente TAROCCATO o COPIATO dalle fonti più disparate:

IL LOGO: palese contraffazione di un logo cha ha ben tre anni e che è stato disegnato da un professore del giovane che ufficialmente ha firmato il tarocco veltroniano.

IL PROGRAMMA: un frullato malriuscito di punti presi da altri programmi, anche di centrodestra, e smentibile dall'operato dei prodiani al governo.

L'AUTOBUS VERDE:..... non ho parole, sono vent'anni che a Pontida al raduno della Lega Nord si "vestono" così gli autobus turistici dei militanti.

I GAZEBO: Tribale usanza leghista ormai entrata nell'uso comune, più o meno come il tanto agognato "federalismo" ieri tabù, oggi parola d'ordine trasversale.

LO SLOGAN: Furto commesso all'estero all'insaputa del suo ideatore, il buon Barak Obama che certo non farà causa ai noti taroccatori italiani del sud.

Cosa taroccheranno ancora i veltroprodeschi e privi di fantasia (oltre che di capacità amministrative e di governo) democratici partiteschi?

Chiameranno il loro giornale "I have a dream"?
O si vestiranno come i Village People?

Chi avesse nuove idee rigorosamente taroccate può suggerirle nell'apposito spazio "commenti"

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Potrebbero mettersi il naso a pallina, nero come la banda bassotti.

antonio marelli lucera ha detto...

E' del tutto inutile cambiare i nomi dei partiti, delle coalizioni o travestirsi per fingere di essere diversi quando poi le persone e i metodi rimangono gli stessi per decenni.
In puglia come altrove esistono paesi che sono gestiti e manipolati da quasi un secolo dalle stesse famiglie, che via via si sono spacciate per nobili, fascisti, democristiani o socialisti, poi forzisti, cattolici o ulivini, ed oggi si ripropongono con i nuovi simboli.
Non esiste la libertà di voto dato che comunque ti giri devi scegliere sempre tra le stesse facce.
Addirittura abbiamo famiglie che sono capoliste in entrambi gli schieramenti politici antagonisti privando il suffragio di ogni significato.

Anonimo ha detto...

è vero, il pd ce la mette tutta per copiare, ma la lega rimane sempre più pittoresca. Fate sempre il lancio del tronco?