:::::::: REGOLE DI CORRETTEZZA::::::::

Vi prego di evitare di parlare in modo offensivo, blasfemo, accanito o pesante contro persone riconoscibili.
In questo blog sono tutti benvenuti, e tutti possono intervenire in anonimato (ma ricorda che il tuo pc viene identificato), con un nome di fantasia o utilizzando il proprio nome vero. evitate di firmarvi con nomi di altre persone, cosa sleale e di cattivo gusto. buona discussione

ARE YOU NOT ITALIAN? PLEASE CLICK HERE AND LEAVE A MESSAGE -

domenica 27 gennaio 2008

52) BARRA A DESTRA, AVANTI TUTTA.




la bagnarola Italia, dopo la triste esperienza del fallimentare, becero, rovinoso governo di sinistra e dopo le incertezze degli ultimi giorni (elezioni subito, elezioni dopo) si avvia verso un ritorno alla ragionevolezza e la voglia di elezioni e di destra si fa palpabile e pressante.
Chi nell'indecisione di due anni fa ha dato la propria preferenza allo sciagurato Prodi ed al suo governino deleterio e frantumato si è pentito amaramente, e si è ripromesso di non fare più scelte avventate e pericolose, ed anche nelle roccaforti storicamente rosse regnano delusione e (piuttosto che lucida obbiettività) galoppante qualunquismo.

Il burattino Prodi prima di affondare con la nave ha voluto dare una bella silurata al neonato e già malato grave Partito Democratico, ed una bella strigliata ad altri dei suoi "fedeli e progressisti" alleati, inimicandosi il bacino di eventuali sinistre future alleanze.

Una così palesemente fallimentare, deleteria e contestata esperienza di governo, la più triste che la nazione ricordi, la più nera per lavoratori, famiglie, aziende ed economia e che andava ad aggiungersi al passaggio all'euro, ancora una volta gestita dal pacioso prodi in modo vergognoso che ha visto svendere la lira ed ammazzare l'economia del nord, era destinata a finire, senza però lasciare indelebili tracce sull'economia delle famiglie e di tutti gli italiani.

Ci vorranno anni per rendere ottimismo e serenità a tutte categorie produttive e le famiglie italiane mai così povere e depredate, retrocesse nella scala del benessere dietro a spagna e grecia...
ma è ora di riscossa, mi auguro che gli italiani abbiano capito che tutto ciò che è sinistro è anche pericoloso, e che da domani votino in modo intelligente.
dobbiamo essere amministrati da persone concrete che vengano dal mondo del lavoro e non da sognatori teorici filosovietici, non da pseudofilosofi che non hanno lavorato un giorno...
la caduta del sinistro sinistroso e sinistrato governo mi hanno ridato entusiasmo, mi auguro che in molti la pensino come me.

3 commenti:

d. ha detto...

forza lega nord, stavolta i veneti avranno capito che il problema non è destra o sinistra ma l'autonomia? O continueranno a votare partiti radicati al sud per farsi dissanguare? Sveglia popolo veneto!

Anonimo ha detto...

Destra o sinistra la situazione è drammatica. I conti pubblici e la spesa pubblica sono sintomi di malessere incontrollabile. Nessuno avrà il coraggio di eliminare province e costi inutili per non scontentare categorie che votano.

Anonimo ha detto...

ABBIAMO PERSO IL GRANDE GIORGIO PANTO LUNICO CHE AVREBBE FATTO PIAZZA PULITA