:::::::: REGOLE DI CORRETTEZZA::::::::

Vi prego di evitare di parlare in modo offensivo, blasfemo, accanito o pesante contro persone riconoscibili.
In questo blog sono tutti benvenuti, e tutti possono intervenire in anonimato (ma ricorda che il tuo pc viene identificato), con un nome di fantasia o utilizzando il proprio nome vero. evitate di firmarvi con nomi di altre persone, cosa sleale e di cattivo gusto. buona discussione

ARE YOU NOT ITALIAN? PLEASE CLICK HERE AND LEAVE A MESSAGE -

giovedì 8 novembre 2007

19) BUONI PASTO: ISTRUZIONI PER L'USO

provo a chiarire le idee a quanti non abbiano ben compreso il sistema che gestirà i pasti degli alunni delle scuole.


INFORMAZIONI GENERALI

il costo di ogni pasto è di € 3,35

i metodi per acquistare i buoni sono DUE:

1) sistema automatico RID/SMS
2) sistema tradizionale versamanto in contanti

in entrambi i casi verrà assegnato ad ogni bambino un codice personale, che verrà consegnato in busta chiusa a scuola da un incaricato del comune o dagli insegnanti.

ogni genitore avrà facoltà di decidere l'importo e la frequenza della ricarica.



OPZIONE 1 : SISTEMA RID/SMS


è un sistema pratico, sicuro comodo e veloce.

è sufficiente inviare un sms al numero 340 4312637 del comune indicando solamente :-il codice personale di sei cifre - e l'importo della ricarica.
qualora si abbiano 2 o più figli a scuola è comunque sufficiente inviare sms con codice di UN SOLO figlio e l'importo totale.
Sarà il sistema a suddividere automaticamente la cifra per numero dei figli e numero dei pasti, tenendo conto automaticamente dei rientri e delle assenze.
in questo modo la scadenza della ricarica sarà uguale per tutti i propri figli.

in ogni momento, con il sistema RID/SMS è possibile richiedere il resoconto di credito residuo.

un sms automatico avviserà quando il credito sta per esaurirsi.




OPZIONE 2 : METODO TRADIZIONALE pagamento in contanti


è sufficiente recarsi in comune (martedì o sabato dalle 8 alle 10) o presso uno qualunque degli sportelli della cassa di risparmio di venezia (anche fuori comune ) e pagare la ricarica desiderata.

la ricarica va fatta sul numero di codice personale e l'importo è libero (multipli di € 33,5) specificando "buoni pasto".

IL VERSAMENTO IN BANCA ED IN COMUNE NON E' SOGGETTO A NESSUNA IMPOSTA O COMMISSIONE BANCARIA.

magari, solo per scrupolo, è bene ricordarlo al cassiere.

---AGGIORNAMENTO--- non è più necessario il passaggio in comune per convalidare la ricarica effettuata in banca. Sarà la carive a comunicare il versamento agli uffici comunali.

resto a disposizione per ulteriori chiarimenti.

14 commenti:

stefano ha detto...

hei giovane, fai controllo sull'opzione 2 di pagamento, poichè mi sembra che solo allo sportello CARIVE si possa esibire contante o simile, al comunue va portata, spedita, raccolta , ecc l'attestazione del pagamento per il carico del creditico in pc.
Stefano

arachesostufo ha detto...

già verificato. si può pagare anche in comune. ciao

claudio b. ha detto...

ci voleva tanto? mi sembra tuuto chiaro e semplice. Magari si poteva dirlo in assemblea o magari ancora prima.

giorgio m. ha detto...

E' stato detto cento volte, volevo anche dirlo in assemblea per far vedere che si ripetevano sempre le stesse cose e cose più importanti erano trascurate, ma quando le persone si parlano a dosso è impossibile capire chi deve spiegarti.
Faccio i miei complimenti a chi ha spiegato in questo sito.
Mia moglie era già andata in comune e il funzionario Guidotto gli aveva già detto uguale.

andrea 71 ha detto...

possibile che in una assemblea di tre ore non si è riusciti a dire quello che qui è spiegato in poche righe? caro g. sei un rompiballe leghista ma quando spieghi si capisce.

lisa ha detto...

ma queste informazioni sono corrette? in assemblea alcuni genitori parlavano di commissioni pagate allo sportello della banca.
E poi guidotto doveva accordarsi con la banca per non farci tornare in comune a portare le ricevute.

francesco ha detto...

comunque alla fine il sistema più pratico è quello con sms tanto contestato.
Tanti hanno paura di dare le coordinate bancarie, e poi magari le danno alle finanziarie e ai negozi per gli acquisti senza fare tante storie.
senza parlare degli acquisti on line

arachesostufo queo vero, da capea ha detto...

mi pare che di solito negli acquisti on line o nei pagamenti ai negozi non risulta il numero di conto corrente del versante.
solo nei bonifici risulta.
in una assemblea a Cappella avevo sostenuto che il dato del conto corrente non è poi così sensibile, ed è vero. a patto che uno non abbia debitori in giro, perchè con il numero del conto corrente possono fare il pignoramento presso terzi per il recupero dei loro crediti... in questo periodo, le piccole medie imprese del territorio sono in difficoltà: moltissimi artigiani e ditta individuali hanno scoperti bancari o debiti con fornitori. la paura è tanta. non credo che 400 persone siano tutti in queste condizioni, c'è molto autoconvincimento. però le situazioni di povertà emergente non vanno trascurate.
credo che l'innovazione introdotta sia positiva. l'unica cosa del sistema che non condivido è la cosiddetta doppia coda: perchè se vado in comune dall'economo non ho poi bisogno di andare in ufficio cultura e quando vado in banca invece devo andare in ufficio cultura?
se il versamento in banca avviene tramite il codice personale sulla causale, all'ufficio ragioneria arriva la ricevuta COME SE SI FOSSE UTILIZZATO IL SISTEMA RID/SMS.
quindi perchè la doppia coda? non ha molto senso. anche perchè l'impegno che abbiamo preso, sia a cappella che nelle riunioni fatte in comune e al cinema, era verificare se fosse possibile evitare la seconda coda. se ci riuscissimo, a parte la magra figura nel gestire la questione, avremmo comunque risolto il problema. e non dirmi che la soluzione è la possibilità di fax: se i genitori rompono per pagare 2/3 euro a ricarica, non vorrai che pensino che la soluzione è pagare 2 euro di fax con anche la coda che si dovranno fare in banca, vero?
a volte ho l'impressione che qualche tecnico abbia messo anche la sua intelligenza (e non solo i buoni mensa) nella realtà virtuale!
poi non capisco perchè si può pagare in municipio solo due giorni la settimana e per poche ore.
credo che su questo adesso debba intervenire la politica, è ora di finirla con il lasciare la gestione ai funzionari. ad essere eletti siamo noi, loro no. caro arachesostufo, andiamo a fondo delle motivazioni per le quali si dovrebbe fare la seconda coda e per le quali si versa in comune solo due mattine alla settimana?
qualcuno potrebbe dire che non sono argomenti da blog, che siamo consiglieri e che dobbiamo fare il nostro dovere in municipio e non sul computer, ma sono convinto che se ha un senso il blog questo sia nella trasparenza e quindi non è male se chiunque possa capire le posizioni di ciascuno di noi. quindi complimenti per l'idea Compagno G.

arachesostufo ha detto...

ciao dottò, in questo post non ci sono le mie opinioni, ma le istruzioni state lo stato attuale delle cose.
so per certo che gli uffici si stanno attivando per evitare il giro in comune dopo quello in banca, mi risulta inoltre che si stiano prendendo accordi con le poste, c'è una terza strada percorribile che sarebbe quella della raccolta dei versamenti direttamente a scuola, ma non essendoci accordi definitivi non mi sembrava il caso di pubblicarli.
visti gli atteggiamenti e sentite le domande in assemblea al cinema elios, mi sono reso conto che alla base c'era scarsa informazione e parecchia confusione.
Quindi sono limitato a spiegare in parole semplici ciò che è previsto, non ciò che vorrei io.

ho tentato di fare cronaca, non politica, e se questo è stato utile per qualcuno significa che andava fatto.
politica, scelte e dibattiti li farò nelle opportune sedi.

daniele ha detto...

comunque meglio queste istruzioni di quelle che non sono state chiarite in teatro.

andrea l. ha detto...

grazie all'autore del blog, ma ci saremmo aspettati informazioni precise dal comune e dalle scuole, magari scritte chiaramente, un opuscolo informativo consegnato ai bambini.

Anonimo ha detto...

con centomo ste cose non capitavano

maldetesta ha detto...

co centomo no capitava gnente parche no se faseva gnente.
almanco sti qua prova a far mejo

Anonimo ha detto...

mejo? buttata via una scuola, viabilità al collasso, nuove spese per i cittadini tipo lumini cimiteriali, edificati migliaia di metri cubi. a me sembrano peggio, molto peggio.